viaggio alle origini del vino

Dove si incontrano i tre continenti, Europa, Asia e Africa, alla ricerca delle origini del vino

viaggio alle origini del vino
Cipro, un'isola che da sempre è crocevia di cultura e porta di accesso tra continenti e civiltà diverse e lontane. In questa terra la leggenda vuole che gli dei abbiano donato il segreto della produzione del vino agli uomini. Certamente in quest'isola la coltura della vite e la produzione del vino si perdono nella notte dei tempi. Nell'iconografia religiosa antica e moderna, pagana prima e cristiano ortodossa poi, la vite ed il vino sono una presenza costante. Spesso proprio in prossimità dei monasteri si coltivava la vite e si producevano vini e grppa, dalle vinacce di risulta delle spremiture. La famosa Zivania, nota per raggiungere gradazioni ben oltre il 50% di percentuale alcolica. La configurazione del territorio, da pianeggiante a collinoso, per diventare progressivamente montuoso, offre habitat diversi e spesso apparentemente inconciliabili. Il clima secco e caldo, unito agli sbalzi di temperatura tra giorno e notte, particolarmente nell'area montana, permettono di produrre uve dalla spiccata acidità e dalle caratteristiche sapide e minerali. Dopo l'impianto massivo di vitigni internazionali, iniziato a metà dello scorso secolo, ora si assiste ad un progressivo ritorno ai vitigni autoctoni come lo Xynisteri o il Mavro, rispettivamente le uve bianche e rosse più diffuse. Le terrazze più alte sfiorano i 2000 metri di altezza e sui piccoli sbalzi calcarei le viti ad alberello e piede franco (Cipro è rimasta immune alla filossera), sono lambite dal vento e dalla luce intensa. Coltivare in queste condizioni è una scommessa quotidiana, ma i risultati che giovani enologi di scuola francese, italiana, sudafricana o australiana ottengono sono davvero sorprendenti. Una nota particolare per la Commandaria, probabilmente la denominazione di origine più antica al mondo e tutt'ora prodotta. Il disciplinare di questo vino sovramaturato, passito e lievemente fortificato è stato deciso dai templari che quasi 2000 anni orsono facevano base a Cipro per poi andare in Terra Santa. Si tratta di un prodotto che nelle sue migliori espressioni può essere paragonato ai grandi sherry di filosofia britannica e che durante la dominazione che gli inglesi ebbero sull'isola ebbe grande fama in Europa, particolarmente in Gran Bretannia. Le moderne strutture alberghiere e le classiche case tradizionali in pietra che offrono servizio di bed & breakfast, permettono agli appassionati di turismo enologico di visitare cantine moderne ed attrezzate vigne inconsuete e di conoscere una produzione che sicuramente avrà una notorietà ed un apprezzamento crescente nel prossimo futuro.
Print
Categorie: News
Vota questo articolo:
2.0

Le più lette

 

L' enoteca dei vini liguri

Uno sguardo virtuale sull’enoteca più completa e varia sul vino di Liguria, con dettagli ed informazioni su oltre 200 etichette e 50 produttori. .

Scopri i vini liguri

«giugno 2018»
lunmarmergiovensabdom
28293031123
45678910
11121314151617
18192021222324
2526272829301
2345678
bodrum escort
atasehir escort pendik escort atakoy escort halkali escort avcilar escort sirinevler escort